Cala il sipario, dopo 23 anni di sfilate, sul Victoria’s Secret Fashion Show

Share

There news, anticipata dalla modella australiana Shanina Shaik in un’intervista radiofonica, sembra sempre più ufficiale ed è quasi certo che nel 2019 non ci sarà un Victoria’s Secret Fashion Show (link). Solitamente a fine luglio, sia le Models che la location dell’evento, erano regolarmente confermate alla stampa per permettere alla macchina mediatica di iniziare il suo frenetico lavoro di marketing.

Quest’anno però tutto, stranamente, tace perciò sembra sempre più probabile che dopo 23 anni di sfilate e successi lo show di Victoria's Secret non veda la luce. Sembra improbabile infatti poter organizzare un evento del genere in meno di 2 mesi partendo letteralmente da zero.

Ma come è possibile che lo spettacolo di lingerie più atteso dell’anno sia stato cancellato senza nemmeno una dichiarazione ufficiale? I tempi cambiano e dopo più di 20 anni è giusto re-inventarsi e trovare una ragione specifica ed unica per un evento che porta tanta visibilità ma anche tante critiche, sia sulla scelta e preparazione delle modelle per la sfilata (link) sia per l’atteggiamento cui cui l’azienda decide le politiche commerciali to follow.

Non è una novità infatti che le dichiarazioni di Ed Razek, chief marketing officer di Victoria’s Secret, abbiano pesato fortemente non solo sulla reputazione ed immagine del brand ma anche sul suo fatturato. A fine show 2018 infatti Ed Razek aveva risposto alle critical della stampa sulla mancanza di modelle curvy (link) or transgender (link) durante lo show dichiarando che Victoria's Secret non era interessata ad associare la sua immagine a tali mercati perchè reputati “privi di fantasia“.

Lo show infatti è una presentazione della collezione che verrà e per enfatizzare l’eleganza e la sensualità delle creazioni proposte vengono scelte molto spesso modelle sexy, in super forma ma soprattutto che rispecchiano i canoni delle clienti del brand. Tali affermazioni, da un responsabile così elevato nella piramide aziendale, hanno attirato critiche su critiche amplificate anche dal movimento #metoo che più volte negli anni ha accusato i vertici della società di adescare modelle di bella presenza con la promessa di renderle famose.

Lo stesso Les Wexner, proprietario del brand è stato accusato di favoreggiamento e sfruttamento sessuale per un episodio che ha visto protagonista nel 1996 la giovane modella Maria Farmer e un facoltoso amico, nonchè proprietario di quote azionari del gruppo, il miliardario Jeffrey Epstein. Dalle ricostruzioni delle autorità americane infatti risulta che Jeffrey Epstein, sfruttando la sua posizione ed influenza, abbia esercitato violence sulla giovane modella.

Insomma: diminuzione del fatturato, cause legali, boicottaggio da parte dell’opinione pubblica, chiusura di più di 50 punti vendita in tutto il mondo e perdita di appeal mediatico (nessuna Tv americana infatti aveva proposto di trasmettere l’evento in diretta) hanno spinto i vertici del gruppo a prendere una decisione drastica nel mondo dello show business.

__________

And what do you think?

Trovate la cancellazione dello show la giusta soluzione per rilanciare un brand di lusso come Victoria's Secret?

__________

If you find ours interesting articles then share them and if you need more information contact us, our experts are at your disposal.

Follow us on our official social networks

Facebook - Twitter - Youtube - Instagram

Do you want to open a franchise hairdresser?

Discover the benefits of being a Mimi Colonna affiliate

Via Paolo Lembo 3-3A
(Policlinico area) - 70124 Ba
E-mail: mimicolonna@libero.it
VAT Number: 03751020722
+39 080 - 556 33 13
+39 334 - 501 58 33
© 2019 Mimi Colonna - P.Iva IT03751020722
Developed by Roberto Antonacci, Bari web sites
en_GBEnglish
it_ITItalian en_GBEnglish